Conoscerli per allevarli

Conoscerli per allevarli

Registrati su Hobby Discus

Registrati su Hobby Discus

Insieme impareremo divertendoci!!!

IL REPORTAGE DI HOBBY DISCUS

IL REPORTAGE DI HOBBY DISCUS

tutto quello che avreste potuto vedere: foto e video

Diventa anche tu uno di noi

Diventa anche tu uno di noi

Associati all'Italy Discus Club

Associati all'Italy Discus Club

Tantissimi vantaggi ti aspettano!!!

Immergiti nel mondo degli acquariofili amanti dei DISCUS

Oneri fiscali dell'allevatore amatoriale

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

ArtFiscoAmatorialiPREMESSA

Questo breve articolo potrà chiarire, finalmente, se vi siano da parte di un allevatore amatoriale adempimenti fiscali da compiere in caso di cessione a titolo di corrispettivo economico delle covate da lui riprodotte, volendo una volta per tutte dirimere tanti dubbi e finalmente rappresentare, per quanto possibile, la realtà su questa specifica questione che risulta assurgere sempre più spesso all’attenzione dei forum di settore.

Tali chiarimenti ci sembrano ormai “DOVUTI” in considerazione del fatto che tutti possono divenire redattori di un testo che, attraverso la comunicazione globale telematica, può raggiungere ogni angolo della terra e dunque ogni utente: da quello più disincantato a quello che crede di avere dall'altra parte un redattore sempre preparato, cosciente e consapevole di quello che scrive. Tuttavia, come spesso ormai accade, non è sempre così.

Questo perchè in tanti si cimentano in materie che non conoscono, in argomenti per i quali non si sono ben documentati, affermando nozioni spesso sbagliate e altrettanto spesso incomplete e riduttive, in aree cognitive dove anche gli "addetti ai lavori" palesano dubbi e snocciolano eccezioni su eccezioni.

Intendiamo riferirci alla materia fiscale ed, in particolare, alla possibilità da parte di un allevatore amatoriale nel cedere a privati o aziende, a titolo di compenso economico, parte della prole delle covate dei propri pesci.

Spesso si legge su internet, con frasari altisonanti: "...per vendere serve rilasciare scontrino fiscale, pagare le tasse, avere una attività autorizzata …" oppure, come mi è stato riportato: "... i pesci vanno venduti in negozio con lo scontrino o ricevuta fiscale" etc. etc.

Queste affermazioni sono vere ma anche, come vedremo, assolutamente incomplete, imprecise e fuorvianti, dettate chiaramente da una cognizione molto superficiale e popolana (già gli errori di ortografia e l’utilizzo improprio di termini dovrebbero mettere in guardia un lettore attento).

La legge fiscale è, ovviamente, molto più articolata e complessa di quello che si vuol far credere e, anche se a qualcuno sembrerà strano, prevede delle eccezioni che hanno lo scopo di adattarla a situazioni molto diversificate.

 

DEFINIZIONE DI ALLEVATORE AMATORIALE

 Noi di HD partiamo da un presupposto essenziale secondo il quale ogni amante di questo ciclide ma anche di altri pesci tropicali e non solo, trova piacere e la massima soddisfazione in tale suo hobby nel seguire le fasi preparatorie e successive alla riproduzione dei propri beniamini, per poi cimentarsi nell'ancor più difficile fase dell'accrescimento.

Sapete bene ormai che HD nasce per favorire l'appassionato, per questo il portale e l'associazione sono state denominate HOBBY DISCUS, e per lo stesso motivo lo slogan recita: "Community di acquariofili amanti dei discus" mettendo sempre in primo piano l’ “APPASSIONATO”. Pertanto, in tale ottica, anche in questo caso le iniziative del club/portale intendono indirizzare gli appassionati affinchè possano cedere, anche a titolo economico, le covate ottenute nel corso di questa stupenda passione, naturalmente nel pieno rispetto delle vigenti norme regolanti la materia, non solo spiegando quali siano gli oneri fiscali ai quali dovrà adempiere e con quali modalità e presupposti, ma cercando di organizzarli, come vedremo, in modo da poter “programmare” riproduzioni mirate per delle selezioni genotipiche che premettano un crossing over tra le linee ottenute dai diversi amatori.

Ovviamente per far questo ci dovremo confrontare con l’attuale legislazione, che naturalmente pone dei limiti spesso astratti e che purtroppo, di sovente, non vengono ben regolamentati in dettaglio ma lasciati ad una libera interpretazione, rientrante però in margini dettati dal buon senso.

Detto ciò, non esistendo una chiara indicazione, seguendo le norme vigenti e quelle cosuetudinarie in materia e, come premesso, il buon senso, bisogna stabilire un altro caposaldo, definire l'allevatore amatoriale distinguendolo da quello professionale.

Per noi di HD si potrebbe definire allevatore/allevamento amatoriale quando ricorrono tutte le seguenti circostanze:

  • vengono riprodotti e accresciuti pesci per hobby e non come attività principale, non contribuendo gli introiti, nemmeno in minima parte, al sostentamento personale e/o della propria famiglia;
  • l'eventuale introito ottenuto dall'alienazione dei pesci non supera, in alcun caso, le spese di gestione e mantenimento della serra;
  • l'eventuale introito rientra nei limiti previsti dalle normative fiscali entro i quali non vige l'obbligo d'iscrizione e di versamento dei contributi alla gestione separata INPS (fino a 5000 € annui);
  • la serra è realizzata presso la propria abitazione principale o in una dependance e/o locale pertinenziale ad essa;
  • la potenza dell’impianto e precisamente il litraggio di tutte le vasche ed i filtri che compongono la serra, escluso la stabulazione, non supera i 4000 litri;
  • le riproduzioni vengono "pilotate" con lo scopo di selezionare delle linee genetiche, volendo fissare delle caratteristiche genotipiche, e non semplicemente per ottenere esemplari da cedere;
  • le covate che vengono cedute per un controvalore economico non superano il numero di 4 annue.

Si intende ribadire che questa definizione è una interpretazione che HD vuole dare, cum grano salis, alle norme scritte e consuetudinarie regolanti la materia attesa la vacatio legis esistente in merito.

Questi pochi criteri che, a modesto parere di HD, possono essere utilizzati quale discrimine tra l'allevatore amatoriale e quello professionale, nascono dai seguenti concetti di base secondo i quali l'amatoriale:

  • non riproduce per moltiplicare i pesci, ma per eseguire delle selezioni mirate e, pertanto, dalle covate ottenute da coppie selezionate tratterrà gli esemplari più consoni al suo progetto genotipico;
  • pur avendo bisogno di molte vasche per il miglior accrescimento delle covate, non avrà necessità dei volumi d'acqua di chi alleva per moltiplicare e fare utile.

Per i motivi premessi, le cessioni a titolo di compenso economico da parte dell'amatoriale avranno carattere occasionale e saltuario. Difatti si limita, nella definizione dettata da HD, il numero di covate cedibili a tale titolo nel corso di un anno a non più di 4. Quantità davvero striminzita se si tiene conto della necessità di riprodurre, per una selezione genetica, diversi ceppi necessari per il rinsanguamento della prole. Noi di HD sappiamo bene che un numero così basso di covate non permetterebbe un serio programma selettivo, ma a questo c’è una soluzione: siamo un CLUB, pertanto, come già sta accadendo tra gli amatoriali associati, si stanno spontaneamente costituendo delle sinergie cosicchè due o tre appassionati possano seguire, anche solo con 4 riproduzioni annue ciascuno, un progetto selettivo comune, potendo nel tempo reincrociare le covate dei diversi allevatori amatoriali. Per tale motivo è nata anche l'iniziativa "AMATORIALI ASSOCIATI" che presenta le selezioni nate dagli allevatori amatoriali e le loro copie riproduttive.

Pertanto, sempre nel rispetto della vigente legislazione, HD promuove la comunità di intenti tra gli amatori. Solo così potrà nascere un progetto serio di sviluppo genotipico fatto da "NON PROFESSIONISTI" ed alla luce del sole, senza sotterfugi e senza violare norme sanitarie e fiscali.

 

NOZIONI FISCALI

Il Decreto del Presidente della Repubblica 633/1972 "Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto" , c.d. "Legge I.V.A.", all’articolo 1 stabilisce che “l’Imposta sul Valore Aggiunto si applica sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello Stato nell’esercizio di imprese o nell’esercizio di arti e professioni e sulle importazioni da chiunque effettuate”.

Ne deriva dunque che l’assoggettamento di un’operazione all’IVA dipende dalla contemporanea sussistenza di tre presupposti fondamentali:

  • requisito soggettivo, in base al quale è soggetto alla norma solo chi svolge un’attività imprenditoriale, artistica o professionale;
  • presupposto oggettivo, rappresentato dal compimento di operazioni economiche che si possano qualificare come cessioni di beni o prestazioni di servizi;
  • requisito territoriale, in base al quale le operazioni di cessione e le prestazioni di servizi devono essere compiute nel territorio dello Stato, così come individuato dai particolari criteri stabiliti nell’articolo 7.

In assenza di uno dei tre presupposti la transazione si considera “fuori campo IVA” e, quindi, estromessa da qualsiasi adempimento derivante dalle disposizioni relative all’imposta, e vincolata, pertanto, solo agli obblighi previsti dal Codice Civile o da altre norme, ad esempio quelle sulle Imposte sui redditi (Cfr. R.M. 31.12.1986, no. 416653).

Nel nostro caso, in riferimento all'esigua frequenza e valore delle transazioni effettuate, e dunque all'occasionalità delle stesse, seguendo i criteri ermeneutici e di buon senso già tracciati, l'allevatore amatoriale che risponde ai criteri delineati in precedenza non svolge un'attività imprenditoriale, artistica o professionale.

Difatti l'articolo 4, nel definire l' "Esercizio di imprese" sancisce che:"... si intende l'esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, delle attività commerciali o agricole di cui agli articoli 2135 e 2195 del codice civile, anche se non organizzate in forma di impresa, nonché l'esercizio di attività, organizzate in forma d'impresa, dirette alla prestazione di servizi che non rientrano nell'articolo 2195 del codice civile".

Pertanto, sempre nel caso dell'allevatore amatoriale che risponde ai criteri delineati in precedenza, non siamo in presenza di ABITUALITA', e dunque non si sta svolgendo un ESERCIZIO DI IMPRESA.

Ecco dunque che, venendo a mancare il requisito soggettivo di cui all'art. 1 del DPR 633/1972 ne emerge, ictu oculi, come nel caso anzidetto non sia applicabile l’Imposta sul Valore Aggiunto.

Chiarito questo, come comportarsi in caso di cessioni saltuarie ed occasionali di pesci da parte di un allevatore amatoriale che risponda ai criteri delineati?

Dobbiamo fare un distinguo per due diverse situazioni:

1) l'allevatore amatoriale cede parte dei pesci riprodotti ad altro privato;

2) l'allevatore amatoriale cede parte dei pesci riprodotti ad un soggetto I.V.A. (soggetto che svolge esercizio di impresa);

In entrambe i casi il cedente (l'allevatore amatoriale) non deve emettere fattura fiscale, trattandosi, per quanto sin'ora detto, di operazione “fuori campo IVA” e quindi è estromessa da qualsiasi adempimento derivante dalle disposizioni relative all’imposta, e vincolata, dunque, solo agli obblighi previsti dal Codice Civile o da altre norme, ad esempio quelle sulle Imposte sui redditi (Cfr. R.M. 31.12.1986, no. 416653).

Per essere più chiari, solo per introiti superiore ai 5000 € annui scatta l'obbligatorietà d'iscrizione e di versamento dei contributi alla gestione separata INPS.

Inoltre è necessario compilare e computare gli introiti derivante dalle cessioni di pesci, di qualsiasi importo, nel quadro "RL" (altri redditi) della dichiarazione dei redditi Mod. Unico - Persone Fisiche.

Per contro non sembra vigere alcun obbligo, pur essendo consigliabile, nel compilare in duplice copia (per il cedente e per il cessionario) una semplice ricevuta che documenti:

  • i dati identificativi del cedente e del cessionario;
  • il domicilio dei contraenti;
  • la descrizione del bene oggetto della cessione;
  • il corrispettivo pattuito;
  • la dicitura “operazione non soggetta ad IVA”, ai sensi degli artt. 1, 2, 4 e 5 D.P.R. 633/1972.

Nel secondo caso, se l’amatoriale cede a soggetto I.V.A., la situazione è un attimino diversa in capo al solo cessionario (aquirente).

Difatti, mentre in linea generale l’obbligo di documentare l'operazione e di liquidare il tributo tramite fattura compete al cedente dei beni o al prestatore dei servizi (l'articolo 21 del dPR 633/1972 - "Fatturazione delle operazioni" dispone che "Per ciascuna operazione imponibile il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio emette fattura, anche sotto forma di nota, conto, parcella e simili, o, ferma la sua responsabilità, assicura che la stessa sia emessa dal cessionario o dal committente, ovvero, per suo conto, da un terzo" ) nella situazione in cui il cedente non soggetto I.V.A. (l'allevatore amatoriale nel nostro caso) cede beni per un corrispettivo economico ad un soggetto I.V.A. (impresa) quest'ultimo è tenuto a sostituirsi negli obblighi contabili che normalmente sono posti in capo al cedente/prestatore (detto procedimento è denominato anche inversione contabile o reverse charge mechanism) emettento un'AutoFattura.

FAC-SIMILE di ricevuta emessa in entrambe i casi dall'allevatore amatoriale per cessioni occasionali per un corrispettivo economico.

 

 


Articolo a cura del:

Dott. Claudio Visalli, Presidente dell’Associazione Hobby Discus ed Amministratore del’omonimo Portale;

Dott. Ernesto Lamensa, Commercialista e Revisore dei Conti, Socio Benemerito di Hobby Discus e Supervisor del’omonimo Portale.



Commenti   

# Guest 2013-12-12 06:40
Devo dire illuminante :)
posso fare una domanda? perché non mi è chiara una cosa. Di solito, per qualsiasi prestazione, nel caso non si superino i 5000 euro, comunque si applica la ritenuta d'acconto. Come mai in questo caso non c'è nemmeno quella?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ernesto Lamensa 2013-12-20 22:58
La ritenuta viene applicata sulle prestazioni e non sulla cessione ;-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# filippo pallonetto 2010-08-26 15:49
grande claudio , finalmente un amico che ha chiarito le cose come stanno grazie ,Filippo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# giuseppe D'AMBRA 2010-08-26 14:04
CHE dire....come sempre qui si trova chiarezza e spiegazioni semplici e documentate come si deve HD è bello proprio per questo chiarezza disponibilita e fatti concreti PER I VERI APPASSIONATI DEL DISCUS E DELLA SANA E PURA AMICIZIA LEGATA DA UNA PASSIONE COMUNE TUTTO QUA :-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giuseppe Liberti 2010-08-26 14:02
Bravi ragazzi :-) ben fatto, completo, decisamente professionale; spero presto utilizzabile anche da me :-*
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ernesto Lamensa 2010-08-26 11:15
L'utilità di un portale è anche questo cercare di dare una guida e far chiarezza su aspetti che spesso si disconoscono o spesso non si ha interesse a far apprendere ad altri. HD, per come è, cerca di essere un supporto di informazione e dialogo per gli utenti e gli appassionati del settore. Quindi non è necessario ringraziare per un qualcosa che è proprio nel DNA di HD
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ivan Donato 2010-08-26 09:02
Bene, finalmente la "luce"!
Adesso, oltre che ad aver reso un importantissimo servizio a noi Allevatori Amatoriali,sper o anche che sull'argomento abbia trovato le dovute delucidazioni anche chi fino ad oggi alimentava le trombe della polemica e dell'ignoranza senza mai preoccuparsi di documentarsi.. Anche questo caso,decisament e emblematico, dimostra quanto purtroppo sia vero il fatto che il "buio" su internet regni ancor'oggi sovrano...
Grazie HD!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli random

IMAGE Convenzione con "AQUARIUM ANGRI"
Il fornitissimo negozio all'insegna AQUARIUM, sito in Via Nazionale 174 di Angri (SA), è gestito dai gentilissimi e preparati fratelli Antonio ed Enzo Pisacane, i quali amano confrontarsi con ogni cliente come puri appassionati, così come faremmo...
IMAGE Regolamento concorso a premi "PHOTO HD CONTEST"
L’ Associazione Culturale senza scopi di lucro HOBBY DISCUS indice annualmente, sin con la prima edizione del 2010, il concorso fotografico “PHOTO HD CONTEST” con lo scopo di promuovere la divulgazione dell’amore verso la natura ed...
IMAGE Malattie da miceti e da alghe
Capitolo 5° tratto dal libro "LE MALATTIE DEI PESCI D'ACQUARIO" di Dieter Untergasser.Dalla biblioteca dell'Associazione Hobby Discus ad uso esclusivo degli associati.
Importazione discus Lawrence Soon LUCKY TROPICAL
Il Consiglio Direttivo dell'associazione culturale Hobby Discus e tutto il suo staff ha il piacere di render noto che, dopo diversi mesi di trattative e contatti ed una prima importazione servita per valutare la qualità dei discus...
IMAGE Convenzione con "AMA-ZONE AQUARIUM"
Il progetto Ama Zone Aquarium nasce nel Luglio 2012 da un’idea di due amici appassionati del mondo acquariofilo ed in particolare del discus, Maurizio Bassi e Nicola Menegozzo. L’idea che i due cultori acquariofili hanno voluto portare avanti e...
IMAGE Convenzione con "THE ROYAL DISCUS"
La The Royal Discus è un negozio di acquari a Milano, un punto di riferimento per tutti gli appassionati di acquariofilia d’acqua dolce e marina, specializzato nella cura e nell’allevamento di sua maestà Symphysodon Discus dal 1995.In negozio...
IMAGE Costruire tubi led per acquari
Con questo articolo desidero condividere con voi la realizzazione "fai da te" di tubi led per illuminare le nostre vasche, dunque adatti ad essere inseriti all'interno della plancia degli acquari perchè ben sigillati. Il progetto è semplice e...
IMAGE La mia coppia di TEFE' tedesca
(Prefazione a cura dell'Admin di Hobby Discus Claudio Visalli) Ancora un'interessantissima intervista ad Ernesto Lamensa, appassionatissimo allevatore amatoriale che ci segue da sempre dai monti del "Pollino". Stavolta ci descrive, con...
IMAGE Allevamento discus di Francesco D'Agostino
Fin da piccolo ho nutrito una forte passione per il mondo sommerso, ma l’avvicinamento vero e proprio all’acquariofilia è avvenuto nel 1993 quando mi regalarono il mio primo acquario da settanta litri al quale, dopo breve tempo, se ne aggiunse...
IMAGE La S.G. Discuscoltura risponde
Andrea Sassi e Antonello Greco, fondatori della SG Discuscoltura, orgoglio del discus italiano nel mondo, rispondono con l'indiscussa professionalità e semplicità che li contraddistingue a 35 domande degli appassionati. Ottima lettura per tanti...
IMAGE Biotopo amazzonico con WILD
(Prefazione a cura dell'Admin di Hobby Discus Claudio Visalli) Filippo Pallonetto, utente di HD con il nome GREEN ci mostra in questo articolo/intervista un imponente acquario dove ha ricostruito un biotopo amazzonico che ospita dei bellissimi...
IMAGE Napoli Aquatica 2013: il reportage
Dal 27 al 29 settembre (2013) abbiamo trascorso tre giorni indimenticabili, in un contesto che tutti gli appassionati del “Re dell’acquario dolce tropicale” vorrebbero vivere, totalmente circondati da centinaia di discus provenienti da tutto...
In questo momento sono online 241 persone di cui 231 ospiti ed i seguenti 10 utenti (registrati):
Carmelo Merlino (Mago84)
Sicilia
Fabio Flamini (fabio_fl)
Toscana
Francesca Giacomazzi (Cecca1122)
Lombardia
Luca Bianchella (mormorina)
Marche
Luca V (luchella)
Lazio
Luigi De Lucia (DE LUCIA)
Campania
massimo galantucci (ziomax)
Lazio
michele brandonisio (antarez)
Puglia
Nicola Cocozza (Nicola Marinum)
Veneto
Paul Sabucchi (Paul Sabucchi)
Abruzzo
TOP